Maria grazia gentile - Fisioterapista - Studio Riabilitazione
INIZIO CORSI DI RI-EDUCAZIONE AL MOVIMENTO ANNO 2020 - 2021
In seguito alle restrizioni e precauzioni per contrastare l’infezione da Covid19 molte cose sono cambiate pertutelare la nostra salute.

Visto il periodo che stiamo vivendo e il dubbio di molte persone sul partecipare o meno ai miei corsi di Ri-Educazione al Movimento per paura del contagio;
considerate le richieste da parte di alcuni di voi,
Vorrei proporre di incontrarci virtualmente.


COME: ci daremo appuntamenti in rete per effettuare le nostre lezioni anche senza essere presenti a studio. Resterete comodamente a casa vostra!

Avrete sentito parlare dello smart working, ovvero “lavoro da casa”. Ebbene possiamo fare anche noi la stessa cosa. Possiamo iniziare ed imparare ad usare questa metodica che ci potrebbe aiutare anche in futuro per non perdere le nostre lezioni.

Significa che se non possiamo incontrarci fisicamente per impedimenti vostri o miei, potremo sempre svolgere le nostre lezioni in rete.

UTILIZZEREMO LA PIATTAFORMA “GOOGLE MEET” con la quale già lavoro da tempo. Per voi non ci saranno costi aggiuntivi, solo il piacere e l’opportunità di stare virtualmente nello studio con me e gli altri presenti.

Coraggio, facciamo anche questo passo ragazze e ragazzi!

NESSUNO CI FERMERA’!
Con affetto Maria Grazia

cosa è La Ri-Educazione al Movimento (NO Ginnastica Posturale)


Un progetto della Fisioterapia e Riabilitazione; un lavoro sulla postura e sulle abitudini corrette del corpo, da potersi effettuare in gruppo.

Consigliato a tutti coloro che soffrono di patologie della colonna vertebrale e muscoloscheletriche; per coloroche hanno gravi disfunzioni posturali come ernie discali, la scoliosi; coloro che soffrono di patologie della spalla, delle ginocchia, dei piedi, disturbi del perineo e per chi ha subito interventi di artoprotesi.

Possono partecipare persone con patologie neurologiche come il Parkinson o con esiti di ictus cerebrali. Coloro che hanno necessità di imparare a muoversi correttamente lavorando sulla postura per eliminare dolori, recuperare energia, divenire capaci di rilassarsi e attuare tante altre pratiche per ritrovare salute e benessere.

Le tecniche, frutto di anni di studio ed esperienza, vengono da me utilizzate e proposte anche per coloro che lavorano molto seduti e al computer, per chi si sente troppo rigido e contratto, per le persone tese ed insonni.

Il percorso che offro si svolge attraverso l’ascolto del corpo, la consapevolezza del movimento, del rilassamento e il respiro.

Una sessione molto importante è dedicata infatti alla “scoperta” del respiro! L’armonizzazione tra respiro e movimento raggiunge lo scopo di sciogliere blocchi e tensioni muscolari, specialmente al livello delle spalle e del collo.Noterete con il tempo una modificazione dell’intera postura.

Abilità richieste: NESSUNA

Materiale occorrente: tappetino o letto, calzettoni, tuta calda, cuscinetto, copertina.

Telefonatemi al 328.2775741.

Vi aspetto!

Maria Grazia


COVID19 Riabilitazione Fisioterapia Movimento Corretto Corpo Dolori articolari Ernia al disco Lombalgia

Artoprotesi Ginnastica Posturale Massaggio del piede Gruppo Colonna Vertebrale

Fisioterapia Posturologia - Metodo MEZIERES

Trattamento ATM

Trattamento Cicatrici

Dolore cervicale

Reumatismi

Scoliosi

Piede Piatto

Rieducazione motoria post-chirurgica e post-traumatica

Riabilitazione pavimento Pelvico PROSTATECTOMIA RADICALE

RiEducazione Pavimenyo Pelvico PROSTATECTOMIA RADICALE

Perineo

RiEducazione Al Movimento
Ginnastica Posturale

Riabilitazione Motoria

Riabilitazione Tecniche Manuali

Terapia Cranio Sacrale

Fisioterapia
Metodo Bates
Educazione Visiva
L'Artrte Reumatoide: possibilità
Chi soffre di artrite reumatoide, e non confondiamo l’artrosi e le sue deformità con la malattia reumatica riscontrabile con opportuni accertamenti ematici, può trarre grande beneficio da un adeguato Trattamento Riabilitativo associato alla terapia farmacologica. Lo abbiamo appreso nella nostra esperienza ed è oramai convalidata da fonti scientifiche internazionali, essendo una patologia che può avere un aggravamento altamente invalidante. Non è più possibile considerare le malattie reumatiche solo sotto il profilo osteoarticolare, esse vanno inquadrate nel contesto specifico della persona in quanto condizionano profondamente la qualità della vita del soggetto. Il nostro obiettivo come Fisioterapisti è quello di prevenire, mantenere o ripristinare la capacità funzionale e articolare dell’intero apparato locomotore, compatibile con lo stadio della malattia. Agendo preventivamente una volta diagnosticata la patologia, le tecniche di Riabilitazione da noi utilizzate, focalizzano il trattamento alla singola e specifica persona, riducendo notevolmente la sintomatologia dolorosa e prevenendo le deformità. Possiamo suddividere il programma riabilitativo per i tre gradi che considerano lo stadio della malattia - Primo grado: riguarda la diagnosi precoce della malattia e la risoluzione di problematiche mediche preesistenti. In questa fase si considerano tutte le componenti fisiche, la tipologia di lavoro del soggetto, la sua vita sociale, quella affettiva, la sua alimentazione. Ogni persona è diversa dall’altra pur manifestando la stessa patologia che caratterizza il soggetto. Ogni individuo ha infatti la sua storia familiare composta di malattie ereditarie, problemi posturali, atteggiamenti emotivi e mentali che lo caratterizzano. Nel corso della vita, i traumi, il lavoro che si svolge, le pratiche sportive e le malattie pregresse, le abitudini di movimenti sbagliati, interagendo con questi fattori costituzionali, concorrono a produrre modalità improprie nella gestualità e che si fissano come posture scorrette. L’artrite reumatoide, quando insorge quindi, va a sovrapporsi a una eventuale errata situazione “posturale” preesistente, creando ulteriori disequilibri. Compito della Riabilitazione e della Fisioterapia in questa fase, è quello di lavorare sulla Postura, Insegnare movimenti corretti, Educare ad uno stile di vita adeguato. - Seconda grado: quando la malattia non è stata diagnosticata per tempo ed è ormai conclamata con malformazioni già instaurate, si agisce immediatamente sui comportamenti sbagliati che inducono movimenti e posture antalgiche creando ulteriore dolore, rigidità e deformità. Per esempio se l’artrite reumatoide interessa un ginocchio o un polso, la persona riduce il movimento nel primo e la gestualità nel secondo per gestire al meglio il dolore e l’incapacità a muovere. Il corpo, in breve tempo, lascerà il ginocchio piegato e ruotato all’interno nel primo caso e costringerà, nel secondo caso, le dita a deviare per compiere i movimenti che il polso non potrà fare. Questa modalità di compensi, nel tempo, porta all’instaurarsi di complicanze dolorose anche a carico di altre strutture. Non bisogna dimenticare che il corpo lavora bene se tutte le parti sono in equilibrio, quindiin questi casi la Riabilitazione e la Fisioterapia hanno l’obiettivo di Prevenire l’aggravarsi della malattia attraverso un Programma Educativo concordato con la persona che preveda Tecniche di Terapia Manuale, Rieducazione Posturale e al Movimento, Terapia Occupazionale, Educazione ad uno stile di vita più congruo al soggetto. - Terzo grado: in questa fase, dove la malattia e la sintomatologia sono complesse e spesso compromesse, il ruolo della Riabilitazione e della Fisioterapia diviengono determinanti al fine di stabilire le strategie per il recupero e il mantenimento dell’autonomia e dell’autosufficienza. Utilizziamo la Tecnica Manuale che lavora specificatamente sulla patologia articolare e settoriale ( temporo-mandibolare, piede o caviglia, spalla o mano-dita, colonna cervicale) e come sempre, sfruttiamo la Rieducazione Posturale che diventa preziosa per affrontare il sovraccarico articolare che si presenta anche nei movimenti più semplici ma ripetitivi della vita quotidiana( prendere un bicchiere, tagliare con il coltello, infilare i calzini). Fondamentale nell’approccio terapeutico di questa fase è la Terapia Occupazionale che ci permette di apportare tutte quelle modifiche necessarie affinché il soggetto possa in maniera funzionale superare i suoi handicap. IMPORTANTE, per il soggetto affetto da Artrite Reumatoide ma in generale in tutte le malattie degenerative è FODAMENTALE coltivare la fiducia in quello che sta facendo per sé; non affaticarsi nelle attività quotidiane, circondarsi di persone positive, stare molto all’aria aperta e praticare attività ludiche come dipingere o cantare o semplicemente godere del verde degli alberi. Consigliamo tutti di alimentarsi con cibi di qualità evitando zuccheri, troppa carne e troppe farine. A CHI RIVOLGERSI Per avviare un Trattamento Riabilitativo o di Fisioterapia in caso di artrite reumatoide è fondamentale rivolgersi a un Fisioterapista che abbia esperienza di questa patologia. Ricordare che un Trattamento Riabilitativo corretto non procura mai dolore, non è aggressivo e traumatizzante, ma graduale e rilassante. Non avete nulla da “rinforzare”, se non lo spirito positivo in ciò che vi accingete a fare. Al termine del trattamento ci si deve sentire rilassati e non stanchi. Non devono manifestarsi dolori né tanto meno tumefazioni o infiammazioni articolari. Presso il nostro studio di Fisioterapia e Riabilitazione di Maria Grazia Gentile, Narni Scalo e Viterbo troverete aiuto. Contattateci anche per informazioni. Fisioterapia Posturologia - Metodo MEZIERES Trattamento ATM Trattamento Cicatrici Dolore cervicale Reumatismi Scoliosi Piede Piatto Rieducazione motoria post-chirurgica e post-traumatica Riabilitazione pavimento Pelvico PROSTATECTOMIA RADICALE RiEducazione Pavimenyo Pelvico PROSTATECTOMIA RADICALE Perineo RiEducazione Al Movimento Ginnastica Posturale Riabilitazione Motoria Riabilitazione Tecniche Manuali Terapia Cranio Sacrale Fisioterapia Metodo Bates Educazione Visiva
PERCHE' I NUOVI OCCHIALI CAUSANO...
Ottieni nuovi occhiali, la prima volta o l'ultima di una lunga serie di occhiali più forti, e la tua visione è distorta. Perché? La risposta breve è che il cervello non si è adattato a loro. Questo ci porta alla domanda: vuoi davvero che il tuo cervello si adatti a loro? Forse è meglio di no. Vediamo perché ... No, non si dovrebbe vedere chiaro! Quando sei miope, un indicatore per il cervello per imparare a valutare la distanza è quanto relativamente meno nitido appare un oggetto. Questo è vero, sia che si veda senza occhiali o con i tuoi vecchi occhiali più deboli. Quando arrivano occhiali più forti, portano la tua visione a 10 decimi o più, e improvvisamente il tuo cervello ti sta dicendo che tutto ciò che è più vicino di quanto dovrebbe essere. Visualizzi i dettagli delle pietre nel terreno e i fili d'erba, e ci si sente più brevi, come se fossi lì per terra. Piegare la luce Allo stesso tempo, gli occhiali più forti (o il primo paio di occhiali) fanno sembrare tutto più piccolo. Ciò è dovuto alla distanza dagli occhi. Le lenti a contatto non creano un effetto così forte. Avete notato che quando una persona miope indossa occhiali forti: i lati della testa attraverso le lenti non si allineano con la testa fuori di essi? Vedete un esempio nella foto. La luce è piegata, e gli occhi sembrano più piccoli, insieme al resto del suo viso attraverso le lenti. Qualcosa di simile sta accadendo anche dall'altra direzione. Così da un lato gli occhiali ti fanno percepire gli oggetti più vicini, mentre mentre allo stesso tempo appaiono più piccoli (come se fossero più lontano). E 'disorientante. Si può notare anche altri effetti strani, beninteso. Gli oggetti possono sembrare come curvi, o la parte superiore pare più lontana di quella sotto. O molte altre cose simili. Il sistema visivo è costretto a ricalibrarsi continuamente per percepire il mondo attraverso queste cose strane che hai sul naso. Mal di testa I tuoi nuovi occhiali possono provocarti sempre un mal di testa, non importa se la prescrizione è "corretta" o meno. Alcuni ottici o oftalmologi insistono che questo significa che ci deve essere un errore nella prescrizione, in particolare se è stato un altro professionista che ha prescritto gli occhiali, o che ci deve essere qualche altro problema di visione che non è stato affrontato. La loro convinzione di fondo è che con gli occhiali le cose possono solo migliorare e che non potrebbero mai essere la causa di questi mal di testa. La maggior parte dei mal di testa come questi sono mal di testa da tensione. Il dolore è causato da contrazioni muscolari nelle regioni della testa e del collo. Una sensazione di tensione intorno agli occhi o negli occhi, è indice di eccesso di tensione, per non parlare di un torcicollo o della necessità di massaggiarsi le tempie. Perché gli occhiali causano questo? Ha a che fare con il modo di usare i nostri occhi. Ci sono cattive abitudini che causano stress cronico, quando si tenta di fare qualcosa che il tuo corpo o il tuo cervello non sono stati disegnati per fare. Questo è esattamente dove il metodo Bates e la visione naturale entrano in gioco. vertigini I mal di testa possono essere associati anche a vertigini. Gli occhiali possono darti vertigini e nausea. Le due cose potrebbero essere correlate. Anche in questo caso si tratta di un cambiamento di percezione per cui il cervello non sa come reagire. Il posizionamento degli oggetti, il movimento e la percezione della profondità, tutto è cambiato, e il tuo cervello non sa ancora come elaborare e riorientare il tuo senso di equilibrio, e questo provoca le vertigini. Va notato che le vertigini possono avere anche altra causa. Presso il nostro studio di Fisioterapia e Riabilitazione di Maria Grazia Gentile, Narni Scalo e Viterbo troverete aiuto. Contattateci anche per informazioni Educazione Visiva Metodo Bates RiEducazione Al Movimento Ginnastica Posturale Riabilitazione Motoria